Torna a Cosa osservare questo mese    

 

Il Cielo di Settembre 2021

 

 

in parole (panoramica)...

Sole | Luna | Pianeti | Costellazioni | Passaggi della ISS | Fenomeno del mese: Equinozio d'autunno

... e in numeri (dati osservativi)

Sole | Luna | Pianeti | Calendario dei principali fenomeni celesti di settembre 2021 | Passaggi della ISS

 

Il cielo di settembre 2021I dati si riferiscono alla latitudine di:
BOLOGNA: Lat 44° 30' 27" N, Long 11° 21' 5" E

 

Gli orari sono espressi in tempo civile locale.

-- Immagine: www.heavens-above.com/ --

 

Panoramica

 

Sole

-- Immagine: https://commons.wikimedia.org/wiki/File:Garan_Sunrise.jpg --

Il Sole ritarda la sua levata mediamente di 1 minuto e 10 secondi al giorno. Abbiamo così 16 minuti in meno di luce all’alba del 15 settembre rispetto all’1 e altri 18 all’alba del 30 rispetto al 15.
Complessivamente, il 30 settembre il Sole sorge 34 minuti dopo rispetto al 1° settembre.

 

 

-- Immagine: https://unsplash.com/photos/byqgHC0XFME, Photo by Jason Blackeye on Unsplash --

Il tramonto invece anticipa mediamente di 1 minuto e 52 secondi ogni giorno, così che il 15 del mese il Sole scende sotto l’orizzonte 26 minuti prima rispetto all’1 e ne aggiunge altri 28 il 30 rispetto al 15.
Complessivamente, il 30 di settembre il Sole tramonta 54 minuti prima rispetto al 1° settembre.

Al termine dei 30 giorni del nono mese dell’anno, abbiamo 1 ora e 28 minuti in meno di luce.
In particolare, la permanenza del Sole al di sopra dell’orizzonte è di 13h12m il 1° settembre, di 12h30m il 15 settembre e di 11h44m il 30.

 

Torna all'indice

 

 

Luna

 

Il cielo di settembre 2021 

-- Immagine: https://stellarium.org/it/  -- 

Il ciclo lunare parte il 7 settembre con la Luna nuova; il 13 si presenta al primo quarto, mentre il 21 diventa piena. Chiude infine il mese, il giorno 29 all’ultimo quarto.
L’11 settembre la Luna si trova al perigeo, ovvero alla minima distanza dalla Terra, mentre il 26 passa all’apogeo, il punto della sua orbita più lontano da noi.
Vediamo ora gli appuntamenti della Luna con stelle, ammassi e pianeti osservabili nel momento in cui si verificano, mentre per l’elenco completo degli eventi si rimanda al calendario a fine pagina.
Verso le 20.30 del 9 settembre, in condizioni particolarmente fortunate, possiamo osservare per una manciata di minuti un raggruppamento formato dalla Luna, Venere e Spica. La triade è molto bassa sul versante ovest, essendo imminente al tramonto, motivo per cui un orizzonte completamente sgombro da ostacoli. Chi può permetterselo, vede un sottile spicchio di Luna crescente accompagnato nel tramonto da Venere e da Spica appena più a est, con Spica ormai a filo dell’orizzonte. La sera del 17 è ben visibile invece il raggruppamento che la Luna, illuminata ormai al 90%, forma con Giove e Saturno. Circa un’ora dopo la mezzanotte del 26 la Luna, vicina all’ultimo quarto, si trova in congiunzione con le Pleiadi, l’ammasso aperto del Toro a 440 anni luce da noi e che il 26 rimane qualche grado più sopra il nostro satellite. A distanza di circa ventiquattro ore, il 27, tocca infine alla gigante rossa Aldebaran, distante 65 anni luce, essere accostata dalla Luna, più o meno in corrispondenza del terminatore, la linea che divide la metà illuminata della Luna da quella in ombra.

Il cielo di settembre 2021

Il cielo di settembre 2021 

 -- Immagine: https://stellarium.org/it/  --  

 

 Torna all'indice

 

 

Pianeti

 

Il cielo di settembre 2021 

-- Immagine: www.storiedelcielo.it --

 

I pianeti visibili a occhio nudo sono Venere, Marte, Giove, Saturno e Mercurio. Quest’ultimo però, essendo il più vicino al Sole, è distinguibile solo per breve tempo e, o durante il crepuscolo del mattino, quando precede l’alba del Sole, o durante quello serale quando segue la stella nel suo tramonto. Proprio per il fatto di essere in qualche modo immerso nella luce solare, non è un pianeta agevole da osservare e per la sua visione spesso si consiglia l’uso di uno strumento (binocolo o telescopio con filtro solare). Per questo motivo lo elenchiamo al termine della sezione insieme ai pianeti visibili al telescopio.

Per quanto riguarda i quattro pianeti principali, essi appaiono tutti a partire dal tramonto del Sole, eccetto Marte che non è più visibile perché è diretto verso la congiunzione col Sole, evento che si verificherà a inizio ottobre. Venere si vede a ovest in fase di tramonto, mentre Giove e Saturno si vedono dal tramonto fino a notte fonda.

Il cielo di settembre 2021Venere inizia il mese nella Vergine che lascia il giorno 18 per trasferirsi nella Bilancia. Lo vediamo mediamente per un’ora dopo il tramonto del Sole sul versante ovest, prossimo anch’esso a tramontare. Il 5 settembre, poco dopo l’alba del Sole, va in congiunzione con Spica, la stella più luminosa della Vergine a 260 anni luce da noi. Possiamo vedere Venere sovrastare Spica dopo il tramonto, qualche grado sopra l’orizzonte occidentale. Il 9 settembre, alla coppia Venere e Spica si aggiunge la Luna e la triade forma così un suggestivo raggruppamento che però è molto difficile da catturare perché è a filo con l’orizzonte, che sta per varcare (v. sezione Luna). Durante la notte del 10, Venere si trova in congiunzione con la Luna e di nuovo, dobbiamo attendere il tramonto per vedere pianeta e satellite ancora abbastanza vicini, con la Luna che volge la sua falce luminosa a Venere più sotto. Il 16 settembre infine Venere si trova esattamente a 1 Unità Astronomica dalla Terra, ovvero alla distanza media che separa la Terra dal Sole, distanza che è stata assunta come unità di misura per misurare gli spazi nel Sistema Solare, nostro e nei Sistemi Solari in generale. 1 Unità Astronomica equivale a 149.597.871 chilometri e Venere, alla mezzanotte, 26 minuti e 22 secondi del 16 settembre, si trova precisamente a 1 UA e 9 km, la distanza più prossima all’Unità Astronomica che può raggiungere. Questo evento, che di per sé è più una curiosità, ci permette di comprendere dal vivo, in un modo alternativo al transito planetario, le proporzioni di una stella di medie dimensioni qual è il nostro Sole, rispetto a un pianeta. Il 16 settembre una stella e un pianeta sono pressoché alla stessa distanza da noi, ma il pianeta è soltanto un puntino che nel firmamento si confonde con le altre stelle, almeno all’occhio inesperto, visto che il pianeta in questione è il luminosissimo Venere.
Il cielo di settembre 2021
 
Marte si trova nel Leone fino al 5 settembre quando si sposta nella Vergine. Il pianeta rosso si sta dirigendo verso la congiunzione col Sole, motivo per cui la sua distanza apparente da esso è sempre più piccola e di fatto risulta immerso nella sua luce e non è visibile. Dobbiamo aspettare la fine di novembre per vederlo apparire di nuovo a est prima dell’alba.
 
Il cielo di settembre 2021Giove si trova nel Capricorno e, grazie all’opposizione del 20 agosto, è il pianeta che si vede più a lungo con una media di permanenza sopra l’orizzonte di otto ore e mezza. Anche se tramonta progressivamente sempre prima, possiamo osservarlo dal tramonto del Sole fin quasi all’alba. Fino al 7 settembre inoltre la sua luminosità è la massima dell’anno con -2,9 magnitudini apparenti. Gli unici due appuntamenti di settembre che lo riguardano, accadono subito dopo la metà del mese quando al calar del Sole, Giove si mostra prima in un raggruppamento con la Luna e Saturno il giorno 17 (v. sezione Luna) e poi, il 18, è visibile fino alle tre di notte prossimo alla congiunzione con la Luna, evento che si verifica nella prima mattinata.
 
Il cielo di settembre 2021Saturno è stabile nel Capricorno come Giove e ricalca gli stessi eventi con la differenza che avvengono tutti il 17. Fino all’una e mezza di notte possiamo vederlo infatti avvicinarsi alla congiunzione con la Luna che splende qualche grado più sotto, mentre attendendo il tramonto del Sole, fa parte del raggruppamento col nostro satellite e Giove, dove la triade si dispone in un triangolo quasi equilatero (v. sezione Luna).
 
Il cielo di settembre 2021Dei restanti pianeti, osservabili solo al telescopio, Urano è stazionario nell’Ariete e sorge poco dopo il tramonto del Sole rimanendo visibile fino all’alba. Nel tardo pomeriggio del 24 settembre, è in congiunzione con la Luna ancora tondeggiante appena più sotto.
 
Il cielo di settembre 2021Nettuno è stabile nell’Acquario al confine coi Pesci e il 14 raggiunge l’opposizione col Sole, presentandosi così nelle condizioni migliori di visibilità. In questa configurazione infatti, Nettuno si trova allineato al Sole e alla Terra, col nostro pianeta in posizione centrale. All’atto pratico Nettuno passa sul meridiano dodici ore dopo il Sole, il che significa anche che grossomodo sorge quando il Sole tramonta e si vede così per tutta la notte. Il giorno 20, possiamo vederlo a ovest prima dell’alba, avvicinarsi alla Luna, ormai quasi piena, con cui va in congiunzione a metà mattina.
 

Il cielo di settembre 2021Mercurio si trova nella costellazione della Vergine dove rimane per tutto il mese attraversandola nel tratto che va da Eta Virginis a Spica, stella in prossimità della quale effettua un’inversione di marcia passando dal moto diretto a quello retrogrado, come vedremo fra poco. Seguendo gli appuntamenti in ordine cronologico, il 6 settembre Mercurio raggiunge l’afelio, il punto della sua orbita più lontano dal Sole, situato a una distanza di 70 milioni di chilometri. L’8 settembre, con molta fortuna, possiamo tentare di osservarlo a ovest dopo il tramonto, prossimo alla congiunzione con un sottilissimo spicchio di Luna crescente. Si tratta di un vero e proprio tentativo, perché la coppia inizia a essere visibile quando è quasi a filo con l’orizzonte ed è alta la probabilità di avere ostacoli lungo la linea di vista. In settembre Mercurio risulta di fatto immerso abbondantemente nella luce solare ed è molto arduo scorgerlo e questo nonostante venga a trovarsi alla massima distanza dal Sole, sia reale – il 6 settembre quando tocca l’afelio – che apparente. Il 14 infatti raggiunge la massima elongazione est, ovvero il punto a oriente prospetticamente più lontano dal Sole, oltre il quale il pianeta ci sembra non possa spingersi di più, condizione più favorevole alla visione del pianeta, tanto più che il 14 l’angolo che forma col Sole e la Terra è di 26,8°, l’ampiezza massima dell’anno (la minima è di 18,1°).

Il cielo di settembre 2021Tuttavia occorre tenere conto anche dell’inclinazione dell’eclittica rispetto all’orizzonte. Infatti a causa dell’inclinazione dell’asse terrestre rispetto all’eclittica, quest’ultima assume a sua volta inclinazioni diverse rispetto all’orizzonte che dipendono dalla latitudine del luogo, dall’ora e dal giorno dell’anno. Le inclinazioni minima e massima si hanno ai solstizi. In particolare, al solstizio d’estate, l’asse terrestre è rivolto verso il Sole, così che la nostra stella a mezzogiorno (mezzogiorno vero) splende nel punto più alto della sua orbita apparente, l’eclittica appunto, e questa forma un arco ben alto in cielo ma, al trascorrere delle ore per effetto della rotazione giornaliera della Terra, il Sole scende verso l’orizzonte e lo stesso fa l’arco dell’eclittica che si abbassa verso di esso, col risultato di essere poco inclinato nelle ore notturne. Viceversa al solstizio d’inverno, l’asse terrestre punta in direzione specularmente opposta al Sole e la nostra stella al mezzogiorno vero si trova nel punto più basso dell’orbita; l’eclittica forma quindi un arco basso sull’orizzonte che si alza man mano che la notte si avvicina.
Il cielo di settembre 2021Pertanto in agosto/settembre l’eclittica di sera è poco inclinata rispetto all’orizzonte, Mercurio rimane così molto basso e la sua visione è compromessa. Fatta questa precisazione, una volta raggiunta la massima elongazione est, abbiamo l’impressione che nei giorni seguenti Mercurio, dopo un breve periodo in cui ci appare fermo (stazionario), “torni indietro”, si incammini cioè verso ovest, movimento che tecnicamente è chiamato moto retrogrado. Il 27 settembre è l’ultimo giorno in cui Mercurio è stazionario, dopodiché il suo moto procede da est verso ovest, cioè diventa retrogrado.

-- Immagini: https://stellarium.org/it/ | www.storiedelcielo.it | https://www.publicdomainpictures.net/it/ --

-- Sfondo penultima figura: https://www.goodfreephotos.com/united-states/wisconsin/ice-age-trail/landscapes-and-horizon-line-on-the-ice-age-trail.jpg.php --

 

 Torna all'indice

 

 

 Costellazioni

Le costellazioni che culminano in settembre nella fascia oraria 21.00-24.00 sono l’Aquila, la Freccia, la Volpetta, il Cigno e il Capricorno. La mappa a inizio pagina rappresenta il cielo alle 23.00 del 15 settembre, mentre la figura qui sotto mostra la simulazione del movimento della volta celeste dalle 23.00 del 1° settembre alle 23.00 del 30.

Il cielo di settembre 2021 

-- Animazione ottenuta col SW Cartes du Ciel --

 

Torna all'indice

  

 

Passaggi della ISS

Il cielo di settembre 2021In settembre i passaggi visibili della Stazione Spaziale Internazionale sono ben 51; avvengono prima dell’alba fino al 13 settembre e riprendono il 15 dopo il tramonto.
Con la premessa di verificare gli orari esatti a poche ore dall’evento, i passaggi notevoli per durata e luminosità sono i seguenti. Il 7 settembre poco dopo le sei del mattino, possiamo osservare per quasi sette minuti, la ISS con -3,3 magnitudini attraversare il cielo a partire dal Cigno, dove sorge, per proseguire poi fra le stelle di Cefeo, della Giraffa, dei Gemelli e del Cane Minore, dove tramonta. Un passaggio ancora più luminoso con -3,6 magnitudini e della durata di oltre sei minuti e mezzo, si verifica il giorno 9 sempre poco dopo le sei del mattino, quando la ISS percorre una traiettoria che passa per Pegaso, i Pesci, le stelle fra la Balena e il Toro, Orione dove si sovrappone per qualche istante a Betelgeuse, e infine per il Cane Maggiore dove passa appena sotto Sirio. Il 10 settembre, attorno alle cinque e mezza del mattino, la ISS raggiunge la magnitudine massima di 3,9 e possiamo vederla per cinque minuti e mezzo fra le stelle del Cigno, della debole Lucertola, di Andromeda, di Perseo e del Toro, per sfumare poi in Orione, dove stavolta tocca l’altra supergigante della costellazione, Rigel. Con la stessa luminosità di -3,9 magnitudini, poco dopo le 20.30 del 18 settembre, la ISS impiega circa cinque minuti per attraversare la Bilancia, la Testa del Serpente, Ercole, la Lira, dove sfiora Vega, il Cigno, dove passa nei pressi di Deneb e Andromeda in cui tramonta. La sera seguente, 19 settembre, poco prima delle 20.00, la ISS ha una magnitudine di -3,5 e in sei minuti e mezzo si muove fra le costellazioni meridionali dello Scorpione, di Ofiuco, dell’Aquila, dove passa vicino ad Altair e di Pegaso. Sempre alla stessa ora del giorno 21 infine, possiamo vedere la ISS con magnitudine -3,3 per quasi sette minuti nel cielo circumpolare, toccare le costellazioni del Bootes, in cui passa vicino ad Arturo, del Drago, dell’Orsa Minore, di Cefeo, di Cassiopea e di Andromeda.
Immagine: http://spaceflight.nasa.gov/gallery/images/station/assembly/ndxpage1.html

 

Torna all'indice

 

 

Fenomeno del mese: Equinozio d'autunno

Il cielo di settembre 2021In settembre la Terra si trova nel punto di intersezione fra l’equatore celeste - che è la proiezione nel cielo del suo piano equatoriale – e l’eclittica, ossia l’orbita su cui ruota attorno al Sole e che completa in 365 giorni. Il piano dell’eclittica è inclinato di 23,5° rispetto al piano equatoriale e i due punti in cui si intersecano sono i cosiddetti equinozi, che cadono l'uno in marzo dando inizio alla primavera, e l’altro in settembre inaugurando l’autunno.
In particolare, la data dell'equinozio d'autunno varia fra il 22 e il 23 settembre. Il motivo di questa variazione è legato all'introduzione degli anni bisestili che vanno a compensare le circa 24 ore che ogni quattro anni il calendario civile di 365 giorni, perde proprio per via dell'arrotondamento della durata dell'anno a un numero intero di giorni. Infatti, il tempo realmente impiegato dalla Terra per compiere un giro attorno al Sole, in particolare per tornare all'equinozio, è di 365 giorni, 5 ore e 48 minuti e si chiama anno tropico o solare. L'anno civile è dunque più corto di circa 6 ore rispetto all'anno tropico e questo fa sì che in quattro anni accumuliamo un ritardo di circa 24 ore; da qui l'idea del recupero attraverso l'introduzione degli anni bisestili di 366 giorni e che dobbiamo a Giulio Cesare. Questa correzione comporta che l'equinozio d'autunno non abbia una data fissa ma cada fra il 22 e il 23 settembre.
Per quanto riguarda invece l'orario in cui la Terra raggiunge l'equinozio, occorre tenere conto anche del fenomeno della precessione degli equinozi, dovuto al fatto che l'asse terrestre non mantiene costante la sua direzione, ma si comporta come l'asse di una trottola, ovvero durante la sua rotazione disegna un cono che completa in poco meno di 26.000 anni. Questa variazione di inclinazione si traduce in un anticipo (precessione) dell'istante in cui la Terra raggiunge il punto equinoziale pari a 20 minuti l'anno, dove il calcolo è riferito alla posizione della Terra rispetto alle stelle che, per la loro grande distanza, si possono considerare fisse. L'azione combinata della sincronizzazione anno civile-anno tropico e della precessione degli equinozi, implica le variazioni di data e orario del primo giorno d'autunno.
Precisiamo infine che, mentre questo aggiustamento mantiene gli equinozi e i solstizi in un intervallo limitato di date, nessun effetto ha invece sulle stelle che fanno da sfondo ai momenti che segnano le stagioni. L'anticipo di 20 minuti l'anno rispetto alle stelle, comporta infatti che nel tempo le costellazioni che ospitano equinozi e solstizi cambino. Se nel 1000 a.C. l'equinozio d'autunno cadeva nella costellazione della Bilancia, oggi risiede fra le stelle della Vergine.
Quest’anno la Terra si trova all’equinozio d’autunno il 22 settembre alle 21.20 ora locale. Il nome equinozio deriva dal latino aequus che significa uguale e nox che significa notte. In questi due giorni infatti, il giorno e la notte hanno "teoricamente" la stessa durata in tutto il mondo. Teoricamente, perché in realtà vi sono alcuni fattori che alterano la simmetria di giorno e notte, quali la luce crepuscolare e la rifrazione atmosferica. La luce crepuscolare, dovuta al fatto che il Sole non è puntiforme, rischiara il mattino un po' prima che il Sole emerga dall'orizzonte e mantiene il cielo luminoso un po' dopo che il Sole è tramontato. La rifrazione atmosferica invece fa apparire il Sole un po' più alto di quanto non sia, cosicché quando alla sera lo vediamo appena sopra l'orizzonte, in realtà è già sotto. Di fatto perciò nel giorno dell'equinozio d’autunno, le ore di luce sono sempre leggermente di più di quelle di buio.
Il cielo di settembre 2021

  -- Immagini: www.vialattea.net --  

 

Torna all'indice

 

 

Dati osservativi

 

 Sole

Immagine: www.media.inaf.it

ORARI DI ALBA E TRAMONTO ALLA LATITUDINE DI BOLOGNA                               
 01 02 03 04 05 06 07 08 09 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30  
 MER GIO VEN SAB DOM LUN MAR MER GIO VEN SAB DOM LUN MAR MER GIO VEN SAB DOM LUN MAR MER GIO VEN SAB DOM LUN MAR MER GIO  
Sorge 06.42 06.43 06.44 06.45 06.46 06.48 06.49 06.50 06.51 06.52 06.53 06.55 06.56 06.57 06.58 06.59 07.00 07.02 07.03 07.04 07.05 07.06 07.07 07.09 07.10 07.11 07.12 07.13 07.15 07.16  
Tramonta  19.54 19.52 19.51 19.49 19.47 19.45 19.43 19.41 19.40 19.38 19.36 19.34 19.32 19.30 19.28 19.26 19.25 19.23 19.21 19.19 19.17 19.15 19.13 19.11 19.10 19.08 19.06 19.04 19.02 19.00  
-- Dati ottenuti col SW Cartes du Ciel --                                                              

 

Torna all'indice

 

 

 Luna

Immagine: www.media.inaf.it

FASI LUNARI    
Nuova Primo Quarto Piena Ultimo Quarto
 
  7 Settembre 13 Settembre 21 Settembre 29 Settembre
Ora fase 02.52 22.39 01.55 03.57
Sorge  06.50 14.25 19.50 24.00
Tramonta  20.19 23.18 07.08 15.26
-- Dati ottenuti col SW Cartes du Ciel --        

 

Immagine: www.media.inaf.it

PERIGEO E APOGEO LUNARI  
Perigeo Apogeo
 

11

Settembre

26

Settembre

Ora 12.05 23.44
Distanza  368.463 km 404.639 km
  -- Fonte: astronomia.cloud –-    

 

Torna all'indice

 

 

 Pianeti

VENERE 

Il cielo di settembre 2021

-- Immagine: www.heavens-above.com --

 1

Settembre

15

Settembre

30

Settembre

Costellazione Vergine Vergine Bilancia
Sorge  10.13 10.46 11.21
Transita  15.45 15.50 15.58
Tramonta  21.17 20.55 20.35
Magnitudine  -3,7 -3,7 -3,6
Diametro  15,3" 16,8" 18.9"
Percentuale illuminata  73% 68% 62%
Distanza dalla Terra al transito  1,1034 UA 1,0020 UA 0,8901 UA
AR ore 23.00  13h11m14,1s 14h11m26,6s

15h18m00,5s

DE ore 23.00  -07°48'15" -14°28'25" -20°30'41"
Visibilità indicativa del pianeta  Non visibile Per un’ora dopo il tramonto Per un’ora dopo il tramonto
-- Dati ottenuti col SW Cartes du Ciel --    

 

MARTE

Il cielo di settembre 2021

-- Immagine: www.heavens-above.com --

1

Settembre

15

Settembre

30

Settembre

Costellazione Leone Vergine Vergine
Sorge  07.44 07.36 07.28
Transita  14.04 13.41 13.18
Tramonta  20.23 19.47 19.07
Magnitudine  1,8 1,7 1,7
Diametro  3,6" 3,5" 3,6"
Percentuale illuminata  100% 100% 100%
Distanza dalla Terra al transito  2,6268 UA 2,6374 UA 2,6350 UA
AR ore 23.00  11h29m30,2s 12h02m27,9s 12h38m08,3s
DE ore 23.00  +04°16'28" +00°37'01" -03°20'25"
Visibilità indicativa del pianeta  Non visibile Non visibile Non visibile
 -- Dati ottenuti col SW Cartes du Ciel --    

 

GIOVE

Il cielo di settembre 2021

-- Immagine: www.heavens-above.com --

1

Settembre

15

Settembre

30

Settembre

Costellazione Capricorno Capricorno Capricorno
Sorge  19.20 18.21 17.19
Transita  24.26 23.25 22.21
Tramonta  05.32 04.29 03.23
Magnitudine  -2,9 -2,8 -2,8
Diametro  48,8" 47,8" 46,3"
Percentuale illuminata  100% 100% 99%
Distanza dalla Terra al transito  4,0374 UA 4,1173 UA 4,2575 UA
AR ore 23.00  21h51m47,6s 21h45m41,6s 21h41m05,4s
DE ore 23.00  -14°13'42" -14°45'04" -15°07'14"
Visibilità indicativa del pianeta  Dal tramonto fin quasi all’alba (9H) Dal tramonto a dopo le quattro del mattino (più di 8H) Dal tramonto a dopo le tre del mattino (quasi 8H)
-- Dati ottenuti col SW Cartes du Ciel --   

 

SATURNO

-- Immagine: www.gizarastro.it/Immagini.html --

1

Settembre

15

Settembre

30

Settembre

Costellazione Capricorno Capricorno Capricorno
Sorge  18.32 17.34 16.34
Transita  23.16 22.18 21.17
Tramonta  04.00 03.01 02.04
Magnitudine  1,0 1,0 1,1
Diametro 

18,4"

18,1" 17,7"
Percentuale illuminata  100% 100% 100%
Distanza dalla Terra al transito  9,0712 UA 9,2156 UA 9,4140 UA
AR ore 23.00 20h41m37,6s 20h38m50,0s 20h37m04,9s
DE ore 23.00  -19°06'22" -19°17'14" -19°23'53"
Visibilità indicativa del pianeta Dal tramonto fin quasi alle quattro del mattino (più di 7H) Dal tramonto fin quasi alle tre del mattino (quasi 7H) Dal tramonto fin quasi alle due del mattino (più di 6H)
-- Dati ottenuti col SW Cartes du Ciel --   

 

Torna all'indice

 

 

Calendario dei principali fenomeni celesti di settembre 2021

GIORNO ORA EVENTO
 VEN 3 07.38 Congiunzione Luna – Polluce 3,0°S. Coppia visibile prima dell’alba.
SAB 4 07.48 Congiunzione Luna – Presepe (M44) 3,2°N. Coppia visibile prima dell’alba.
DOM 5 07.39 Congiunzione Venere – Spica. Coppia visibile dopo il tramonto.
    22.17 Congiunzione Luna – Regolo 4,8°N. Coppia visibile prima dell’alba con molta difficoltà.
LUN 6 02.19 Mercurio all’afelio 0,466696 UA
MAR 7 02.52 Luna nuova
MER 8 22.20 Congiunzione Luna – Mercurio 6,5°N. Coppia visibile dopo il tramonto con molta difficoltà.
GIO 9 18.33 Congiunzione Luna – Spica 5,9°N. Coppia visibile dopo il tramonto con molta difficoltà.
    20.30 Raggruppamento Luna, Venere e Spica
VEN 10 04.10 Congiunzione Luna – Venere 4,1°N. Coppia visibile dopo il tramonto del 9.
SAB 11 12.05 Luna al perigeo 368.463 km
LUN 13 02.31 Congiunzione Luna – Antares 4,2°N. Coppia visibile dopo il tramonto del 12.
    22.39 Luna al primo quarto
MAR 14 06.11 Mercurio alla massima elongazione est 26,8°
    10.10 Nettuno in opposizione
GIO 16 00.26 Venere a 1 UA dalla Terra
VEN 17 04.32 Congiunzione Luna – Saturno 3,8°S. Coppia visibile fino all’1.30.
    20.30 Raggruppamento Giove, Luna e Saturno
SAB 18 08.54 Congiunzione Luna – Giove 4,0°S. Coppia visibile fino alle 03.00.
LUN 20 10.44 Congiunzione Luna – Nettuno 4,0°S. Coppia visibile prima dell’alba.
MAR 21 01.55 Luna piena
    02.01 Marte all’apogeo 2,6381 UA
MER 22 21.20 Equinozio d'autunno
VEN 24 18.07 Congiunzione Luna – Urano 1,3°S. Coppia visibile dalle 21.30
DOM 26 00.58 Congiunzione Luna – Pleiadi (M45) 4,6°S
    20.33 Congiunzione Luna – Iadi 6,3°N. Coppia visibile dalle 22.30.
    23.44 Luna all’apogeo 404.639 km
LUN 27 00.54 Congiunzione Luna – Aldebaran 6,2°N
    07.00 Mercurio stazionario moto retrogrado
MER 29 03.57 Luna all’ultimo quarto
GIO 30 15.19 Congiunzione Luna – Polluce 2,8°S. Coppia visibile prima dell’alba.
-- fonte: astronomia.cloud | storiedelcielo.it –   

 

Torna all'indice

 

 

 Passaggi della ISS

Il cielo di settembre 2021In tabella si segnalano i passaggi della ISS per fasce orarie di un'ora e mezza.
Gli orari esatti dei transiti possono essere verificati registrandosi sul sito www.heavens-above.com oppure osservando la posizione in tempo reale sul sito http://www.n2yo.com/.
Le scritte evidenziate indicano i transiti più brillanti della Stazione (m > -3,0), mentre quelle in corsivo indicano i passaggi più lunghi (> 5 minuti).

Immagine: http://spaceflight.nasa.gov/gallery/images/station/assembly/ndxpage1.html

 

Fascia oraria    PASSAGGI DELLA STAZIONE SPAZIALE INTERNAZIONALE (ISS)
 01 02 03 04 05 06 07 08 09 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30  
MER GIO VEN SAB DOM LUN MAR MER GIO VEN SAB DOM LUN MAR MER GIO VEN SAB DOM LUN MAR MER GIO VEN SAB DOM LUN MAR MER GIO  
03.30 - 05.00 ISS ISS ISS ISS ISS ISS ISS ISS ISS ISS ISS - ISS - - - - - - - - - - - - - - - - -  
05.00 - 06.30 ISS ISS ISS ISS ISS ISS ISS ISS ISS ISS ISS ISS - - - - - - - - - - - - - - - - - -  
19.30 - 21.00 - - - - - - - - - - - - - - - ISS ISS ISS ISS ISS ISS ISS ISS ISS ISS ISS ISS ISS ISS ISS  
21.00 - 22.30 - - - - - - - - - - - - - - ISS ISS ISS ISS ISS ISS ISS ISS ISS - ISS - ISS - ISS -  

 

Torna all'indice

 

Torna a Cosa osservare questo mese